Delusioni e sorprese…

Tag

, , , ,

Buonasera cari lettori, oggi voglio parlarvi in breve di 3 libri che ho letto ultimamente, si tratta di Gli effetti speciali dell’amore di Angela Iezzi, Volendo te di Jennifer Probst e Tutta colpa dei social di Cinzia La Commare.

Come potete intuire dal titolo del post non sono stata molto felice di queste letture, infatti sebbene di tutti i libri avevo letto recensioni strapositive durante la lettura mi sono ritrovata completamente in disaccordo con le suddette recensioni. Ma partiamo con ordine…

Il primo libro di cui vi parlo è Gli effetti speciali dell’amore, che racconta la storia di Ashley e Jaime, che dopo diversi anni si rincontrano dopo il funerale del padre di lei e scoprono di dover vivere assieme per ottenere l’eredità che spetta ad entrambi, la casa di famiglia e il denaro per Ashley e l’azienda di dolci della famiglia per Jaime. Tra i due non scorre buon sangue, anzi in verità l’odio è solo da parte di Ashley che, come una bambina immatura e capricciosa, si ostina a prendersela con Jaime che secondo lei gli avrebbe rubato l’azienda che il padre avrebbe dovuto affidarle. Ovviamente Jaime non ha colpa di questa decisione ma lei continua a nutrire questo rancora anche dopo anni e anni, in cui tra l’altro si è rifatta una vita e ha coronato il suo sogno di lavorare in una libreria (quindi di cosa ti lamenti ancora??) Fin dall’inizio non ho provato simpatia per Ashley, i suoi comportamenti e i suoi pensieri mi spingevano sempre di più verso l’odio, era irritante all’inverosimile e se fossi stata in Jaime l’avrei mandata al diavolo da subito (ho apprezzato quando poi l’ha fatto effettivamente). Jaime dal canto suo ha cercato in tutti i modi di rendere la convivenza meno problematica possibile (cosa irrealizzabile se hai una tipa come quella a dettare regole sugli spazi che puoi usare e a sbraitare per ogni piccola cosa), fin da subito si capiva che i suoi sentimenti per Ashley erano molto profondi, il suo amore e la sua gelosia era palesi per chiunque tranne che per l’idiota (Ashley); ho adorato i suoi gesti semplici per cercare di conquistarla, prepararle la colazione o la cena, seguirla quando usciva beccandosi anche un raffreddore e poi la sorpresa finale è stata di un romanticismo pazzesco (anche se un pò scontata). Tuttavia non ho potuto apprezzare fino in fondo la storia a causa della protagonista, se ci fossero stati dei pov alternati sarebbe stato meglio, giusto per staccarmi da lei, ma niente ho dovuto sorbirmi le sue paranoie (ingiustificate) e le sue lamentele contro Jaime praticamente in ogni pagina, tutto questo ovviamente non faceva che appesantire la lettura più di quanto già non fosse. In definitiva quindi posso dire di non aver assolutamente gradito questa lettura che si presentava molto più divertente e frizzante ma che si è rivelata una completa delusione!

Il secondo libro di cui vi parlo è Volendo te di Jennifer Probst, libro che conclude la serie Cuori solitari e che racconta la storia tra Ella, una mamma divorziata e docente di università, e Connor, lavoratore e studente che segue il corso di Ella (è anche il fratello di Nate, uno dei protagonisti della serie). Tra i due non c’è un buon rapporto, ciò dovuto in particolare al fatto che Connor rischia di non laurearsi a causa dei brutti voti presi nel corso di Ella; lei dal canto suo ha etichettato Connor come il tipico uomo che sfrutta il suo fascino per ottenere buoni voti (non ha torto in effetti) e fa di tutto per non cadere anche lei nella sua trappola. Le cose cambiano e si complicano quando scoprono di essere vicini di casa e iniziano a passare del tempo insieme, sopratutto per l’amicizia che si crea tra Connor e Luke,il figlio di Ella; quando poi lei decide di iscriversi all’agenzia matrimoniale Kinnections, Connor capisce di provare qualcosa di più forte e dopo un bacio appassionato i due iniziano una specie di relazione che avrà dei risvolti interessanti…
Questo libro rientra nella categoria delle sorprese, sebbene all’inizio abbia fatto fatica ad ingranare con la lettura e con i personaggi, sopratutto con Connor, pian piano mi sono affezzionata a loro, alla loro storia e ai loro pensieri, che pagina dopo pagina, maturavano sempre più. Ho adorato il rapporto che si è creato tra Connor e Luke e il sentimento di amicizia che ha fatto avvicinare Ella e Connor (anche se fin dall’inizio non si trattava solo di amicizia), il loro rapporto è maturato pian piano e in modo lineare (insomma non si sono svegliati la mattina e hanno capito di amarsi) fino a sbocciare in qualcosa di molto profondo. Le uniche pecche, se vogliamo chiamarle cosi, sono state la brevità del romanzo (14 capitoli) perchè avrei preferito qualche approfondimento maggiore e il finale che mi ha lasciato un pò a bocca asciutta (magari qualche altra pagina ci stava bene) ma nonostante questo consiglio assolutamente la lettura di questo romanzo e di tutta la serie, se non l’avete ancora letta perchè i libri della Probst sanno sempre farsi apprezzare e lasciarvi con il sorriso sulle labbra.

L’ultimo libro di cui vi parlo è Tutta colpa dei social e, devo dirlo, tra tutti questo è stato il libro che più ho odiato in assoluto. Non c’è una cosa che salverei di questo romanzo, di sicuro non la protagonista femminile Ellie, una blogger che odia i social media(sappiate questa cosa verrà ripetuta ad ogni capitolo più o meno), nè il protagonista maschile Dave, un musicista che usa i social per rimorchiare (a detta sua Facebook si usa solo per quello), nè tantomeno tutti gli altri personaggi che fanno da contorno a questa storia. Che dire il libro si basa, nella prima parta, sullo scambio di messaggi e insulti tra Ellie e Dave in chat, lei convinta che lui voglia solo rimorchiarla e lui convinto che lei sia una stronza che se la tira e questo lo porta a fare di tutto per riuscire a conquistarla (userei un altro termine ma vabbe); nella seconda parte le cose non cambiano più di tanto, i due si frequentano di persona ma non fanno altro che litigare e baciarsi e rincorrersi (Dave rincorre Ellie per la precisione). Nessuno dei due vuole ammettere di essere davvero interessato all’altro e Ellie inventa milioni di scuse banali per non cedere alla corte di Dave (gli fa schifo la sua barba, poi gli fa solletico, poi non so cos’altro non gli vada bene); è un sesseguirsi ripetitivo delle stesso schema che si conclude sempre allo stesso modo, non c’è stata una scena che mi abbia sorpreso, persino lo psicodrama alla fine era prevedibile fin dai primi capitoli, e la conclusione è stata delle più insulse che abbia mai letto, nemmeno lo sforzo di creare qualcosa di sorprendente! Non consiglierei questo libro a nessuno, viene proposto come divertente, spensierato, di quelli che fanno morir dal ridere ma sinceramente io sono morta di noia e bramavo solo la fine di questo scempio per poterlo rimuovere dal Kindle e archiviarlo definitivamente come deludente.

Ora vi lascio le trame dei libri, se avete letto uno di questi libri fatemi sapere cosa ne pensate…

GLI EFFETTI SPECIALI DELL’AMORE

cover

Ashley Morgan ha ventiquattro anni, una grande passione per i libri e una laurea in economia, che ha conseguito al solo scopo di compiacere il padre, proprietario di una famosa azienda dolciaria, di cui è certa di prendere il posto. E invece, del tutto inaspettatamente, il padre decide di affidare la guida della società a Jaime Standley, che lavora al suo fianco da molti anni e ne è diventato il braccio destro. Di fronte a quel gesto Ashley chiude i rapporti con lui. Passano gli anni, durante i quali padre e figlia perdono quasi ogni contatto, fino a quando il signor Morgan muore, lasciandole una cospicua eredità. Alla lettura del testamento un’altra sorpresa attende Ashley: a lei andranno il conto in banca, la casa di famiglia e una quota di minoranza della società, a Jaime la maggioranza delle azioni e il compito di gestire e amministrare la Morgan&Hall. Ma solo a una condizione: che per un anno i due beneficiari lavorino insieme e risiedano sotto lo stesso tetto. Ashley si sente ingannata e truffata: Jaime è un impostore e lei gliela farà pagare. Ma la convivenza forzata qualche volta può rivelarsi assolutamente imprevedibile…

VOLENDO TE

cover

Cappelli lunghi biondo scuro, un metro e novanta d’altezza, muscoli scolpiti, Connor Dunkle è abituato a ottenere sempre quello che vuole e soprattutto chi vuole: le sue donne sono bellissime, hanno un corpo mozzafiato e non pretendono relazioni a lungo termine. Per lui, che non vuole invischiarsi nel caos dell’amore vero, è questo l’ideale di vita. Finché si trova faccia a faccia con Ella, mamma single e docente di letteratura al Verily College, dove lui vuole laurearsi. Ella è un osso duro e Connor, per non rischiare la bocciatura, dovrà partecipare a un progetto speciale. Quando scocca la scintilla, nessuno dei due è pronto ad affrontare i propri veri sentimenti, ma sarà l’amore a impartire loro la più dura delle lezioni.

TUTTA COLPA DEI SOCIAL

cover

I social network sono ingannevoli, Ellie l’ha sempre pensata così e ha sempre ritenuto che non ci si possa fidare dei profili che li popolano. Per questo non aveva mai accettato nessuna delle richieste d’amicizia maschili che arrivavano a centinaia ogni settimana. Eppure lei sui social aveva basato il suo lavoro, dando vita al Pink Line: uno dei siti internet più seguiti di New York. Lavoro che, tra passerelle, concerti, articoli da redigere e una redazione da coordinare, la assorbe completamente. Non ha tempo per l’amore, e al contrario della sua schiera d’amiche non è mai stata un’inguaribile romantica. Per questo, due anni prima aveva lasciato Daniel, ma aveva commesso l’errore di farlo tramite Facebook e da quel momento, a detta sua, i social le si erano rivoltati contro causandole un’infinità di improbabili problemi. Uno di questi era Dave Mitchell, musicista dal profilo social di dubbia veridicità e assolutamente intestardito a voler chattare con lei a tutti i costi. Un’irriducibile capace di tenerle testa in un modo che la indispone, ma che, al tempo stesso, non le permette di trattenersi dal ribattere volta dopo volta.
Dave, d’altro canto, ostinato lo era da sempre; la perseveranza con cui inseguiva la musica ne era un chiaro esempio. Era finito ad avere un account Facebook quasi per caso, e nello stesso modo era incappato nel profilo di Ellie, così come era successo con tutte le altre donne prima di lei. Solo che Ellie era diversa dalle altre, oppure fingeva di esserlo. Convinto di questo, Dave aveva fatto una scommessa e intendeva vincerla.
E se il destino si rivelasse più abile di un giocatore d’azzardo?

Bene per oggi è tutto spero che il prossimo libro sia migliore degli ultimi 🙈

Baci,
Cris